Il Libro Tibetano dei Morti e le Matrici dell’esistenza


Il Libro Tibetano dei Morti

e le Matrici dell’esistenza



Premessa



Un Buddha, tornato dal Nirvana, possiede una linea di contatto mentale diretto con Dio che deve, però, sviluppare successivamente praticando lo Yoga Trascendentale, e con ciò ottiene possibilità medianiche, ed i miei testi sono da ritenersi, per questo, principalmente una Rivelazione proveniente dal Piano Divino, in quanto se non fossi aiutato da questo Piano per me sarebbe impossibile capire da solo cose di tale elevatezza, ed è solo ogni volta che questo Piano me le invia o mi porta in Sé (per poter vederle dall’alto) che io le ricevo, nonostante io pratichi un percorso iniziatico interiore (o Strada di sviluppo spirituale) da tanti anni e ne ottenga benefici in forma di doni spirituali (interiori).

Quindi, io sono solo un semplice portavoce in merito alle Conoscenze contenute nei miei testi.

Chi trovasse queste Conoscenze un po' estrose si deve rendere conto che la realtà che viviamo in questo cosmo è complessa di per sé stessa, ed è confermato da tutte le cose delle quali siamo testimoni di giorno in giorno che fuoriescono dai nostri schemi mentali, dai nostri prognostici, dalla nostra volontà e dalla ragione umana.

Noi possiamo capire realmente poco di tutto ciò che esiste nel cosmo, e fu per questo che nei primi anni ‘90 presi a dedicarmi a studiare la realtà nei suoi ambiti reconditi, inizialmente aiutato da testi ma poi anche da Dio.

Al di là di ciò, vi sono misteri che per noi esseri umani resteranno eternamente irrisolvibili a meno che dopo la morte del nostro corpo fisico otteniamo la Grazia Divina di reincarnarci nel centro di un pianeta, che ci darebbe un Occhio di grandezza macrocosmicamente molto più grande dei nostri (l’Occhio che è il pianeta stesso), e quindi ci permetterebbe di vedere molto di più attorno a noi. Diventare un Sole sarebbe ancora meglio.





Sul Libro Tibetano dei Morti (Bardo-To-Dol)

Il Libro Tibetano dei Morti è un testo equivoco, per il fatto che si distacca da ogni Tradizione Spirituale precedente ad esso, e propone un’esperienza vivibile nell’aldilà, dallo spirito del trapassato, unica nel suo genere.

Io lo lessi per la prima volta nel 1995, ma da allora non ho ricevuto alcuna notizia di conferma nei suoi confronti dal Piano Divino.

Nonostante ciò, con l’aiuto di Dio sono riuscito a capire due cose contenute in esso, e la prima è la possibilità dello spirito del morto di raggiungere inizialmente il Signore Supremo, ma se qui si spaventa di tale presenza viene mandato indietro forse ad Osiride, e se ancora se ne spaventa ad Horus e così via fino a 7 volte in tutto di fronte a altre Divinità. Se anche di fronte alla settima ed ultima in fondo ha paura viene allora mandato di fronte al primo di 7 Demoni che dovrebbero gestire 7 piani inferiori infernali, ed anche qui può accadere la stessa cosa come nei 7 Piani Superiori Divini, e quindi lo spirito può cadere nel più basso degli Inferni (è logico che tutto ciò dipende dalla maggiore o minore pulizia interiore di detto spirito, che dipende dal tipo di azioni compiute nel corso di una o più vite fisiche o anche spirituali (tra una vita e l’altra).

La descrizione delle Divinità (Superiori ed Inferiori) è abbastanza arbitraria e può non essere realistica.

La seconda cosa che ho capito è in merito alla Matrice (Cosmica, e cioè il Ciclo automatico delle reincarnazioni al quale siamo sottoposti dall’Embrione Supremo nell’Uovo Supremo) citata nel testo, dalla quale se ne può venire liberati solo se aiutati da una Divinità.

Per il fatto che Dio mi ha dato Luce su tutte le più importanti Matrici dell’esistenza, ora le riporto di seguito.



Le Matrici dell’esistenza



Tutta l’esistenza nel suo insieme, a partire da quella spirituale, è sottoposta a Matrici, che hanno il fine di determinare un dato tipo di cose in un determinato modo (vale per ogni tipo di cose esistenti), poiché così possono svolgere la loro mansione naturale senza ostacoli, garantendo la sopravvivenza della creazione (e quindi degli universi) nel corso del tempo.

Queste Matrici, sorte una dopo l’altra nel corso della creazione, sono state anche perfezionate dagli Dei, con l’aiuto di Dio, al fine di migliorare la realtà tutta, e se oggi non volano più draghi e non esistono più forme di vita che anticamente nuocevano all’umanità è anche dovuto ad Esse.

Per capire meglio cosa siano queste, ora le elenco di seguito:

1) Dio, il Cielo Supremo, che è contenuto in una sfera spirituale rossastra opaca che è la Prima Matrice per gli Spiriti Divini (provenienti tutti da Lui).

2) Il Signore Supremo (Prima Anima-Luce Suprema): è la Matrice di tutte le anime che esistono, dato che fu dalla Sua Luce che ne scaturirono altre più piccole inizialmente, dalle quali, poi ne scaturirono altre più piccole ecc…

3) La Signora Suprema (Spirito-Intelletto Sferico Supremo dopo quello di Dio): è la Matrice di tutti gli spiriti sferici più piccoli fuoriusciti da Lei inizialmente, dai quali ne uscirono altri più piccoli ecc… ed è in Lei che i nuovi spiriti sferici che devono ancora entrare nell’esistenza universale ottengono un intelletto di base, una memoria di base, una mente di base

ed una personalità di base, che poi sviluppano negli universi, vivendo esperienze.

4) Le particelle subatomiche, che in base a come si uniscono per formare atomi determinano tipi differenti di atomi stessi, di molecole e di cellule.

5-6-7-8) I 4 elementi (terra, fuoco, acqua e aria), le cui rispettive particelle unite a frammenti di luce determinano le entità spirituali elementari che dimorano negli animali: le entità d’acqua nell’acqua, quelle di fuoco nei predatori terrestri, quelle di terra negli animali terrestri prevalentemente vegetariani e quelle d’aria negli uccelli. Mediante miscuglio di queste particelle sorsero anche i predatori d’acqua, anfibi e volatili.

9) La Nube Suprema sorta inizialmente da gas, polveri leggere e ceneri mentre il primo universo era in formazione, che circonda gli universi cosmici, divenuta la Matrice per le nuvole e le nubi cosmiche.

10) Il Guscio dell’Uovo Supremo, formato all’inizio dalla prima Signora Suprema per contenere in uno spazio circoscritto la creazione del primo Universo, in modo che non si sparpagliasse ovunque nel Cielo Supremo: Esso divenne un filtro attraverso il quale devono passare i nuovi spiriti Divini causati dal Suo nutrirsi di Cielo Supremo (nutrendosi di Esso apre punti infinitesimamente piccoli dello stesso, che entrati in Lui divengono spiriti sferici, che Lui separa in 3 tipi di base e raffina in Sè Stesso prima di inviarli alla Signora Suprema; queste sono tre tipi di Matrici spirituali che determinano già il tipo di servizio che questi spiriti avranno una volta uniti ad anime e saranno inviati negli universi cosmici).

11) La Mente Suprema, che divenne la base per ogni altra mente esistita successivamente a Lei.

12) La Matrice cosmica universale, che descrivo di seguito.



La Matrice cosmica universale



La realtà cosmica universale si è composta, nel corso degli Eoni (o Ere Universali), di aspetti differenti che vanno dai più luminosi ai più oscuri, in seguito al succedersi di avvenimenti di ogni genere che partono dal piano spirituale e giungono al piano fisico materiale.

In questo caso, i termini Luminoso ed Oscuro sono simbolici e servono solo a far capire il tipo di qualità di questi aspetti, che variano in una gradazione che va dal Bianco al Nero: Bianco poiché aspetti Positivi ed innocui, di provenienza principalmente Divina; Grigio poiché aspetti Positivo-Negativi metà innocui e metà nocivi, di Provenienza principalmente Elementare; Nero poiché aspetti Negativi e nocivi, di provenienza principalmente Infera.

Quindi, le gradazioni di tonalità sono qui solo delle forme allegoriche e nulla più.

Uno degli aspetti più oscuri della realtà cosmica universale è la Matrice delle forme fisiche planetarie, che serve ai pianeti che offrono forme di vita  sulla loro superficie al fine di garantirsi una sopravvivenza (cibo) nel corso della loro esistenza, permettendogli di avere un continuo rinnovamento delle loro energie in forma di Atomi:

1) il Pianeta pronto ad accogliere forme di vita sulla sua superficie è aiutato dal Sole e dalla Luna nella creazione di queste;

2) queste forme di vita, nel corso della loro esistenza, subiscono modificazioni atomiche apportate dal Sole e dalla Luna;

3) quando queste forme di vita muoiono, i loro atomi in parte tornano al Pianeta rinnovati, rinnovando anche le Sue energie, ed in parte vengono riorganizzati per i nascituri successivi di qualsiasi forma (umana, animale ecc…), e quindi inseriti negli embrioni e nelle uova da forze o energie al servizio del Sole e della Luna. Solo una parte minore raggiunge il cielo, e da essi il Cielo stesso viene a conoscere cosa accade sul pianeta dal quale gli giungono.

Da qui possiamo già capire il perché di tante malattie congenite o comunque dalla nascita, dato che gli atomi appartenuti alle  diverse forme di vita, riorganizzati o meglio riassemblati senza tanto scrupolo, al fine di creare altro cibo futuro per il Pianeta, in parte sono malati a causa di incidenti subiti da forme viventi nel corso della loro vita o anche dal modo in cui è morta la tale forma, se non naturale ma incidentata.

Ovviamente, l’esplosione di una bomba creata dall’uomo crea milioni di atomi danneggiati e quindi malati, che apparterranno ai corpi dei prossimi nascituri, umani, animali ecc…, che potranno essere deformi, ciechi, sordomuti ecc… a causa di ciò.



La Matrice cosmica planetaria universale è un fattore o fenomeno dovuto principalmente ai pianeti stessi, che essendo composizioni atomico-molecolari-cellulari ragionano in modo fisico-materialista, e ciò ebbe inizio quando l’universo fu pronto a ricevere forme di vita fisica planetaria.

Praticamente si tratta di un meccanismo naturale prodotto principalmente dai pianeti stessi per se stessi, giovando di energie provenienti dal Sole e dalla Luna, entrato in azione libera dopo la formazione dell’Embrione Supremo che contiene i Mondi Cosmici.

In ogni caso, nel corso degli Eoni, le varie forme di vita planetarie universali sono state organizzate in modo tale di avere cura della superficie e del sottosuolo dei pianeti, mantenendoli in salute nel corso della loro esistenza.

Ovviamente, le forme vegetariane curano i vegetali, tenendoli puliti e sfoltendoli, mentre quelle carnivore si sfoltiscono tra loro, sfoltiscono quelle vegetariane e sfoltiscono i parassiti nella vegetazione.



La Matrice cosmica planetaria, per agevolare il nutrimento dei pianeti in forma di atomi rinnovati strappati a corpi fisici planetari, in determinati periodi della vita dei pianeti stessi, è causa di calamità naturali (cataclismi) di qualsiasi tipo che tolgono la vita ad un folto numero di forme di vita differenti e di ogni genere (anche se normalmente queste sono causate da Dei per punire o distruggere chi agisce contro la Loro Volontà o dai Demoni per vendetta contro gli Dei), ed al fine di dissiparle sarebbe necessario che l’umanità intera si decidesse a vivere in amicizia reciproca, aiuto reciproco ed armonia reciproca, e quindi in pace reciproca, poiché solo così sarebbero vinte le azioni nefaste e distruttrici dei Demoni e della Matrice planetaria, adorata dai Demoni per il fatto che distrugge il genere umano, che è caro agli Dei per il miglioramento della vita nel cosmo.

Quindi si tratta di evolversi spiritualmente abbandonando il troppo attaccamento agli interessi economici, che causa disumanità.

Lo spirito è stato la causa della materia e la può dominare (incluse le leggi della fisica e della chimica, che basilarmente procedono dalla Mente Suprema, e quindi anche dalle nostre menti), ma solo conformandosi alla Volontà Divina.



La Matrice cosmica universale divenne stabile dopo che si formò l’Embrione Supremo nell’Uovo Supremo, che determinò dei cambiamenti notevoli, tra i quali quello che un sistema solare da allora è un Suo Superatomo, una Galassia una Sua Supermolecola, un Universo una Sua Supercellula ecc…

ma determinò anche, mediante i liquidi e le gelatine che si formarono in Lui, una fine alla libertà d’azione per le entità che vi si trovarono, costrette da allora a potersi muovere solo lungo linee di connessione celesti e spaziali, poiché tutto, da allora, è tenuto come unito (o meglio collegato) nel Suo organismo interno: il cielo che separava galassie ed universi, da allora è pieno. Rese anche automatiche tutte le operazioni naturali atomiche ma anche la reincarnazione delle entità spirituali in nuovi corpi fisici, che da allora sono forzate da questo supermeccanismo universale, e per uscirne occorre l’aiuto di Divinità, di Angeli o di Santi ed il vivere una vita priva di errori (negatività e/o ingiustizie).



E’ capibile che la Liberazione mediante l’esperienza del Nirvana, citata da testi Induisti, si riferisca proprio al fatto di poter avere la possibilità di abbandonare l’Uovo Supremo dopo la morte del proprio corpo fisico, dato che un Buddha che muore può catapultarsi nel Nirvana (Cielo Supremo per noi) e quindi, espandendosi in Esso senza dover agire minimamente, uscire dalla Sfera Suprema (per noi) per entrare nel Mondo Divino di Luce che si trova al di là di Essa (macrocosmicamente di notevoli più grandi proporzioni rispetto a detta Sfera, che là non può essere più grande di 5-10 dei nostri metri di diametro).

E’ ovvio che il Viaggio verso la Luce (o per l’uscita alla Luce) degli antichi Egiziani si riferisse proprio a questo.

Di tale Mondo Divino di Luce ne parlano i Dalai Lama Buddisti, ma prima di loro ne parlarono i Sapienti Indù, dai quali ne seppero dell’esistenza.

A me è giunto recentemente come esperienza trascendentale.



Un mondo migliore potrebbe essere creato dall’umanità terrestre tutta partendo dai rapporti reciproci, ma nessuno dovrebbe esserne escluso, ricco o povero che sia e di qualsiasi razza umana, e non per questo non potrebbe continuare a funzionare un sistema capitalistico (più umano).



La Liberazione dalla Matrice citata nel Libro Tibetano dei Morti, comunque, potrebbe anche essere riferita alla possibilità di non doversi più reincarnare per passare a vivere in un Mondo Divino nell’Uovo Supremo.



Aker-Ra

Copyright (c) di Aker-Ra. Tutti i diritti riservati. Qualsiasi tentativo di divulgazione non autorizzato dall’autore verrà sottoposto a persecuzione Legale.

5 commenti:

  1. Le bombe furono create anticamente dagli Dei tra le prime forme di armi che furono necessarie a distruggere forme di vita distruttrici per le altre, ma poi giunsero anche nelle mani di Lucifero e del suo esercito e da essi agli esseri umani che si posero dalla sua parte contro gli Dei.
    In meno di un Eone dopo la sconfitta di Lucifero sul piano fisico gli Dei crearono nuove armi e distrussero le precedenti, capendo i danni che causavano sul piano atomico.
    Nei Miti Greci, Lucifero è identificabile in Prometeo, che rubò il “Fuoco” degli Dei e lo diede agli uomini (con ‘fuoco’ si intende Armi da guerra forse tecnologiche), e cioè a quegli umani che accettarono di porsi dalla sua parte contro gli Dei. Ma anche il mito di Atlante sembra corrispondervi, dato che dopo aver ottenuto il privilegio da Zeus (il Ra egiziano) di poter sostenere un quarto di cielo (si intende di comandare un quarto dell’Esercito Angelico) si oppose a Zeus e rubò le “mele d’oro delle Esperidi”, che potevano essere Astronavi create dagli Dei dopo che si crearono corpi semi fisici, e questo, ovviamente, per usarle nella sua guerra contro gli Dei stessi, ed anche queste potrebbero essere state parte del “Fuoco” rubato agli Dei e donato agli uomini da Prometeo al fine di farsi aiutare nella battaglia.
    Il finale dei due miti è per forza fantastico.
    Nei Miti Sumeri Lucifero è il Dio Enki, ed in quelli Nordici è il Dio Loki.
    Qualche anno fa ho avuto la possibilità di avere tra le mani qualche testo di Jacob Bohme, uno di quei eretici che furono messi al rogo nel medioevo dalla Santa Inquisizione, e sebbene, dopo avere curiosato in essi per capirne la validità sul piano conoscitivo, sia d’accordo sulle blasfemie contenute in essi, restano una serie di illustrazioni contenute nel Mysterium Magnum che descrivono l’Epopea di Lucifero e si concludono con Cristo che prende il posto di Esso (come Capo di una grande schiera di Angeli), anche se tra detta Epopea e Cristo trascorse così tanto tempo che è presumibile che tale posto fu precedentemente preso da un altro Angelo, che poi lo diede a Cristo per Volontà Superiore o altra ragione.
    Queste illustrazioni si trovano pubblicate in Siti di Internet online e le si trova cercando “Mysterium Magnum di Jacob Bohme”. In esse si vedono mezza Sfera Divina in alto, una sfera cosmica al centro e mezza sfera infera in basso.
    Che sia vera o no questa storia, io sono riuscito a decifrarla, e mi sembra che possa essere attendibile come trama di base, anche se resta per me un mistero come abbia fatto a trovarsi in un libro di Bohme ed illustrata in modo ermetico.
    Aker-Ra
    Copyright (c) di Aker-Ra. Tutti i diritti riservati.
    Qualsiasi tentativo di divulgazione non autorizzato dall’autore verrà sottoposto a persecuzione Legale.

    RispondiElimina
  2. Anche nella Genesi Bibblica è citata la ribellione di Lucifero e la sua conseguente sconfitta.

    Un’altra cosa importante che afferma la Genesi Bibblica è che gli esseri umani furono fatti da Dio a Sua immagine e somiglianza, e quello che non capiscono quelli che criticano negativamente questa affermazione è che non afferma ‘Solo gli esseri umani’ poiché ciò va riportato al piano spirituale dell’essere, interiore, e cioè a quella minuscola parte di Cielo che si trova nella più interna profondità di noi stessi, che si trova anche in ogni altra forma di vita, senza la quale la vita sarebbe impossibile.
    Aker-Ra
    Copyright (c) di Aker-Ra. Tutti i diritti riservati.
    Qualsiasi tentativo di divulgazione non autorizzato dall’autore verrà sottoposto a persecuzione Legale.

    RispondiElimina
  3. A mio avviso, il Libro Tibetano dei Morti contiene il Panteon delle Divinità dell’Induismo (Superiori ed Infernali) poste in ordine, ma per ora non ho ancora ricevuto Luce in merito ed Esse, e per il fatto che non ci è giunto il Panteon delle Divinità dell’antico Egitto posto in ordine presumo che possa trattarsi di esso, portato in India anticamente da Sacerdoti egiziani.
    Aker-Ra
    Copyright (c) di Aker-Ra. Tutti i diritti riservati. Qualsiasi tentativo di divulgazione non autorizzato dall’autore verrà sottoposto a persecuzione Legale.

    RispondiElimina
  4. I 3 Gioielli del Buddismo tibetano dovrebbero essere i 3 “Occhi di Shiva” che si ottengono mediante le pratiche dell’astinenza sessuale della Via interiore, e Shamballah (il Mondo Divino di luce) non può che essere che quello del Dio Him in cima al Meru, raggiungibile mediante le stesse due pratiche.
    Aker-Ra
    Copyright (c) di Aker-Ra. Tutti i diritti riservati.
    Qualsiasi tentativo di divulgazione non autorizzato dall’autore verrà sottoposto a persecuzione Legale.

    RispondiElimina
  5. Per leggere altri miei testi e commenti vedere in questi links:
    http://lemeravigliedellanima.blogspot.com/2014/05/il-libro-dei-morti-dellantico-egitto.html
    http://lemeravigliedellanima.blogspot.com/p/yin-e-yang-ed-i-7-sostrati.html
    http://lemeravigliedellanima.blogspot.com/p/blog-page_6.html
    http://lemeravigliedellanima.blogspot.com/2018/06/sui-chakras-la-kundalini-e-la-via.html
    http://lemeravigliedellanima.blogspot.com/search?q=su+dio
    http://lemeravigliedellanima.blogspot.com/p/guenon-il-re-del-mondo-traduzione-dal.html
    Aker-Ra

    RispondiElimina